giovedì 2 agosto 2007

Un kilo di pomodoro: il Gigante di Belmonte

Lungo la costa calabra, c'è un luogo in cui, ad un altitudine di 50 metri slm, dai primi di Giugno a fine Settembre in campi aperti vien coltivato quello che è più conosciuto come Cuore di Bue. Di cosa sto parlando? di Lui

Il Pomodoro!! Che il locali chiamano "gigante" ed è in effetti davvero grande. Infatti, il suo peso mediamente varia dai 700 ai 1000 grammi per ogni frutto e cresce su una pianta altrettanto gigantesca, la cui altezza raggiunge anche i 3m. Importato in Italia da un emigrante belmontese, che tornava dagli Stati Uniti, nei primi anni del secolo scorso, un uomo di cui purtroppo si è perso il nome, dal 2003 è salito sull'altare dei prodotti De.C.O (denominazione comunale d'origine) ed è l'unico pomodoro italiano a fregiarsi di questa etichetta (Comune di Belmonte Calabro). Tornando a casa e pensando a cosa farci con un pomodoro di 1 kg, mi sono messa alla ricerca di possibili "storie gastronomiche" ed ho scoperto che il pomodorone in questione è famoso anche in Liguria e Piemonte da tempo immemorabile. Proposto come ingrediente in diverse pietanze il Gigante o Cuore di bue o, come ho appena appreso sul sito del pomodoro italiano , pomodoro Arawak si presta ad essere mangiato crudo facendo il protagonista ad esempio per una caprese. Onestamente il mio pomodorone sta ancora lì in frigo in attesa di un'originale interpretazione. Voi come lo fareste?

Nessun commento: